Quanti incontri splendidi si possono fare al nido!

Quanti incontri splendidi si possono fare al nido!Quanti incontri splendidi si possono fare al nido!

Quando pensiamo ad un luogo per bambini, ci piace sempre fare sì che anche gli adulti possano starci bene. Educatori, genitori, nonni, zii, fratelli maggiori… Ecco, per noi il nido di infanzia è un luogo in cui tutti possono sentirsi parte di un gruppo più grande. Quanti incontri splendidi si possono fare al nido!

Quando inizia l’anno scolastico ogni bambino entra a far parte di una comunità e con lui tutte le persone importanti che se ne prendono cura. Ma ogni giorno, entro le 9.30, tutti gli adulti salutano i bambini che insieme alle educatrici trascorrono una giornata ricca di esperienze ed emozioni. Un saluto, quello del mattino, spesso carico anche di curiosità verso ciò che verrà proposto ai bambini durante la giornata, animato da scambi e confronti sul loro benessere… Non di rado si percepisce il desiderio da parte di alcune famiglie di conoscere meglio ciò che i loro figli vivono tra le mura del nido: “vorrei essere una mosca e venire a vedere come sta, che cosa fa qui con gli altri bimbi, che cosa gli piace di più fare…!” 

IMG_20170327_100601

E’ proprio dall’ascolto di desideri come queste che nei servizi per l’infanzia di Argentovivo è nato il progetto GENITORI AL NIDO. Partecipare alle attività organizzate dalle educatrici, proporre un gioco nuovo, fare una passeggiata tutti insieme, portare al nido qualche oggetto speciale da condividere con i bambini.. Questi e molti altri sono i pretesti con cui genitori e nonni hanno abitato anche i nidi di infanzia del comune di Vercelli in questi mesi. Qualche esempio? Un orto e i fiori da far sbocciare, tagliatelle, pizza e gnocchi fatti in casa, muffin e torte da leccarsi i baffi, le storie di paesi lontani, e meno lontani; e poi ancora, si è giocato a fare il parrucchiere, i ballerini, a prendersi cura del proprio corpo con piccoli massaggi, giochi di movimento e travasi creativi, a fare i fotografi, a inventare le forme dei palloncini, a conoscere gli strumenti musicali… 

Quanti incontri splendidi si possono fare al nido!

Momenti indimenticabili hanno reso questo progetto davvero importante sia per i piccoli che per i grandi. Come siamo certi di aver raggiunto tutto ciò? Semplice! Lo abbiamo chiesto a tutti i partecipanti. Eccone alcuni esempi:

“L’esperienza è stata fantastica, eravamo diventati i nonni di tutti i bambini… Un bagno di salute, grazie all’innocenza e alla bellezza dell’ingenuità di tutti i bimbi”. 

“Il loro impegno e la loro gioia di fare sono stati talmente contagiosi da spingermi a parlarne con tutti  e la voglia di tornare è tanta!” 

“Mi si è riempito il cuore oggi nel vedere gli occhi di questi bimbi. La loro curiosità, la loro voglia di conoscere, i loro sorrisi, i loro abbracci… Bello anche vedere le educatrici fare con amore il proprio lavoro!” 

Un grazie sentito per la disponibilità, l’impegno e la passione che mostrate in questo progetto a:

mamma Cristina, papà Fabio, mamma Annabella, nonna Nina, mamma Sabrina, mamma Arazay, mamma Tiziana, mamma Elena, papà Matteo, mamma Roberta, nonna Antonella, mamma Simona 

Quanti incontri splendidi si possono fare al nido!

L’invito a partecipare  per chi non ne ha ancora avuta occasione rimane valido fino a fine anno; e sì, vale anche per chi di voi è già venuto a trovarci ma ha ancora voglia di tornare a giocare con noi! 

Flaminia Raiteri

Pedagogista nidi Peter Pan, Girasole, Aquilone